ECUADOR Etnia, Cultura e Isole incantate – GALAPAGOS *

Prezzo a partire da

Data di partenza

30-10-2024

Data di Ritorno

15-11-2024

Durata

Dettagli Tour

Dal 30 Ottobre al 15 Novembre 2024

GIORNO 1 (mer. 30/10) VENEZIA – MADRID – QUITO  

Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Venezia. Per il trasferimento all’aeroporto vedi nota “Trasferimenti”. Disbrigo delle formalità d’imbarco e partenza con voli Air Europa, via Madrid. Arrivo in Spagna, cambio aeromobile e proseguimento per Quito. Pasti e pernottamento a bordo.

GIORNO 2 (gio. 31/10) QUITO

Arrivo a Quito ore 06.45. Trasferimento e sistemazione all’albergo. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita orientativo della capitale. Quito, ufficialmente San Francisco de Quito, è la capitale dell’Ecuador. È situata sopra il bacino idrografico di Guayllabamba, sulle pendici orientali dello strato vulcano attivo Pichincha, nella parte occidentale delle Ande. La data della fondazione è incerta. I primi insediamenti sull’altopiano (El Inga) sono attestati millenni prima di Cristo. Tuttavia, la data di nascita ufficiale della città è considerata il 6 dicembre del 1534 con la conquista spagnola. Fu la prima città dichiarata, insieme a Cracovia in Polonia, come Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, il 18 settembre 1978. Quito conta la più ricca e importante collezione di arte coloniale d’America, In effetti la scuola d’arte locale fu la più importante della colonia e si evidenzia per artisti indigeni e meticci di grande valore che hanno lasciato una eredità senza paragoni nel nuovo continente. Il centro storico della città ospita 40 chiese e cappelle, 16 convitti e monasteri con i suoi chiostri, 17 piazze, 12 sale capitolari, 12 musei e innumerevoli cortili di straordinaria bellezza. Cena e pernottamento in hotel.

GIORNO 3 (ven. 01/11) QUITO – PAPALLACTA SPA – OTAVALO  

Partenza al mattino dopo la prima colazione in hotel. Seguendo il percorso degli scopritori del Rio delle Amazzoni, le Terme di Papallacta si trovano a 3.200 metri sul livello del mare, a soli 45 minuti da Quito. Godremo di un rilassante bagno termale. Pranzo libero e nel pomeriggio proseguiremo verso la Panamericana Nord. Arrivo a Otavalo in serata. Sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento in hotel.

GIORNO 4 (sab. 02/11) OTAVALO (Mercato indigeno) – QUITO

Prima colazione. Al mattino visita di Otavalo e del suo coloratissimo mercato, uno dei più antichi del paese. Si tiene tutti i giorni anche se il più importante è quello del sabato, quando fin dall’alba una moltitudine di indios nei loro coloratissimi costumi invade la tranquilla cittadina. Pranzo in ristorante locale. Visita nel pomeriggio visita di Cotacachi e Lago Cuicocha, rientro a Quito. Pernottamento in hotel.

GIORNO 5 (dom. 03/11) QUITO – CHIMBORAZO – RIOBAMBA 

Prima colazione. In pullman arriveremo ai piedi del punto più lontano dal centro della terra, il Chimborazo innevato, la montagna più alta dell’Ecuador, a 6263 m sul livello del mare. Incredibilmente, le brughiere dell’Ecuador non sono uguali in nessun punto, ed è per questo che questa sarà diversa dalle precedenti visitate, con poca vegetazione, limitata alla paglia di brughiera e a piccoli germogli di piante che alimentano le bellissime vigogne. Facciamo una passeggiata verso il rifugio situato a 5200 metri sul livello del mare, ci riposeremo per qualche minuto e torneremo giù. Nel pomeriggio proseguimento verso la città di Riobamba. Pernottamento e cena in hotel. 

GIORNO 6 (lun. 04/11) RIOBAMBA – QUENCA 

Dopo la prima colazione, si parte per la strada dei Vulcani, verso il sud del paese, paesaggio ricco di colori per le varie colture: grano, orzo, quinoa, amaranto, cipolla, aglio, e le etnie della provincia di Chimborazo. Poi continuiamo a visitare le rovine inca di Ingapirca (solo esterno). Questo è il monumento più importante lasciato dalle culture aborigene dell’Ecuador. Il vasto complesso archeologico di rovine comprende una fortificazione senza tetto, cortili, terrazze, templi, case e un “castello”, forse un “Tempio del Sole”. Al termine trasferimento nella più bella città coloniale del Sud America, Cuenca. Sistemazione in hotel per la cena e pernottamento.

GIORNO 7 (mar. 05/11) CUENCA CITTA’ 

Prima colazione. Cuenca è la terza città più grande dell’Ecuador, ma conserva ancora la sua piacevole aria provinciale. I tetti di tegole rosse, le strade di ciottoli, le piazze fiorite e i musei la rendono molto speciale. Si visita la piazza di San Sebastian, un colorato mercato artigianale, e la “Casa della temperanza”, dove gli alcolisti sono stati chiusi all’interno delle sue spesse mura nel tentativo di curarli. Visiteremo i laboratori dove si trovano i cappelli Panama della migliore qualità. A seguire una visita al mercato dei fiori, all’imponente Cattedrale a cupola blu, alla Corte di Giustizia, il Palazzo Municipale, il Palazzo del Governatore e la Chiesa del Sagrario. Cena e pernottamento in hotel.

GIORNO 8 (mer. 06/11) CUENCA – EL CAJAS – GUAYAQUIL 

Dopo la prima colazione, ci rechiamo in uno dei luoghi più spettacolari della parte meridionale dell’Ecuador: il Parco Nazionale El Cajas, uno dei più spettacolari dell’intero Sudamerica, con la presenza del pàramo, un habitat umido tipico della regione andina. Lo caratterizza i paesaggi più variegati e spettacolari del paese che riempiono questa riserva, la cui vicinanza a Cuenca, solo un’ora di macchina ad ovest, lo rende uno dei luoghi all’aperto più popolari della zona. I 70.000 acri di El Cajas con 5000 tipi di piante differenti, di cui il 60% endemiche, 200 laghi e lagune di origine glaciale, collegati tra loro da fiumi e ruscelli. Nel pomeriggio faremo una spettacolare discesa a 400 metri sul livello del mare, attraversando diversi livelli climatici, per attraversare il letto di nuvole che copre la costa ecuadoriana. Pranzo lunch box Arrivo a Guayaquil e pernottamento in hotel.

GIORNO 9 (gio. 07/11) GUAYAQUIL – ISOLE GALAPAGOS 

Al mattino molto presto, verso le 05:45 (può cambiare senza preavviso) trasferimento all’aeroporto per l’imbarco sul volo per le Galapagos. Arrivo sull’isola di Baltra al Seymour Galapagos Ecological Airport, trasferimento ed imbarco sulla M/V Galapagos Legend (lusso). Inizio della navigazione e sosta all’isolotto di Mosquera che si trova tra North Seymour e l’isola di Baltra. Quest’isola piatta e sabbiosa ospita una grande colonia di leoni marini. È anche un sito eccellente per osservare uccelli limicoli come aironi e gabbiani lavici. Non ci sono sentieri sull’isolotto, il visitatore può godersi lo spazio aperto. La maggior parte dell’isolotto è ricoperta di sabbia e brulla roccia lavica. Sulla sabbia crescono pochissime piante di sesuvium portulacastrum. Pranzo, cena e pernottamento sulla Motonave. 

GIORNO 10 (ven. 08/11) PORTO DI EGAS – ISOLA DI RABIDA 

Pensione completa. Al mattino visita di Egas Port, una spiaggia di sabbia nera vulcanica, visitata da Darwin nel 1835. La prima sezione del sentiero è formata da cenere vulcanica (tufo eroso) e l’altra metà è un terreno irregolare di roccia basaltica vulcanica. Il terreno stratificato, unico e davvero sorprendente, della costa di Santiago ospita una varietà di animali. La bizzarra nitticora dalla corona gialla e la fauna marina, tra cui aragoste, stelle marine e iguane marine che pascolano su letti di alghe accanto ai granchi Sally piedi leggeri. È facile vedere colonie di foche endemiche che nuotano in pozze di acqua fresca di roccia vulcanica. Al pomeriggio si prosegue con la visita dell’isola di Rabida. La sabbia rosso scuro ricopre queste spiagge uniche dall’incredibile paesaggio; Rabida è considerata l’epicentro delle Isole Galapagos per la diversità della sua geologia vulcanica. I pellicani bruni nidificanti si trovano da luglio a settembre e si possono vedere nove specie dei famosi fringuelli di Darwin. Faremo anche un giro in gommone lungo le scogliere per osservare gli uccelli marini e fare snorkeling al largo della costa, dove la vita marina è particolarmente attiva. Pernottamento sulla motonave.

GIORNO 11 (sab. 09/11) BAIA DI URBINA – BAIA DEL TAGO ISOLA ISABELA 

Pensione completa. Al mattino sbarco su una spiaggia vulcanica “nera”. A seconda della stagione, potremmo trovare tartarughe giganti, iguane terrestri e l’insolito cormorano incapace di volare. Dopo una breve passeggiata nell’entroterra, ti verrà concesso del tempo per lo snorkeling, dandoti ancora un’altra possibilità di nuotare con tartarughe marine, leoni marini e innumerevoli pesci tropicali. La baia di Urbina presenta un’ampia varietà di piante che cambiano a seconda della stagione. Possiamo osservare i bellissimi colori delle piante che attirano diversi insetti, uccelli e rettili. Esploreremo la barriera corallina sollevata derivante dall’attività vulcanica del 1954, con una vista spettacolare del vulcano Alcedo. Nel pomeriggio sbarco sull’isola più grande delle Galapagos dove conosceremo l’eruzione dei cinque vulcani che la formano. Il sentiero conduce al lago del cratere di acqua salata di Darwin e offre splendide viste sui campi di lava e sulle formazioni vulcaniche. Ritorneremo per lo stesso percorso per un giro in gommone lungo la costa, dove ammireremo una varietà di uccelli marini. Specie come la sula dai piedi azzurri, la sula bruna, le sterne, un gran numero di pinguini delle Galapagos. L’unica specie di pinguino al mondo ad estendere il proprio areale nell’emisfero settentrionale. Sono monogami e depongono le uova in piccole fessure di lava, nelle parti basse dell’isola, vicino alla costa non raggiunta dalle onde dell’oceano. La popolazione di pinguini sulle isole è di circa 2.000 individui, la maggior parte dei quali vive in questa porzione occidentale dell’ Isola Isabela; altri si trovano più a sud dell’isola. Avremo l’opportunità di fare snorkeling in acque profonde. I graffiti che si ritiene siano stati lasciati dai pirati del XIX secolo sono un curioso ricordo di un passato intrigante. Pernottamento sulla motonave.

GIORNO 12 (dom. 10/11) PUNTA ESPINOSA E PUNTA VINCENTE ROCA – ISOLA FERNANDINA – ISABELA 

Pensione completa. In mattinata si potrà vedere l’unico punto che visiteremo a Fernandina; è il Punta Espinosa e da lì possiamo vedere l’isola di Isabela attraverso il Canale di Bolívar, un’area che vanta una delle più alte diversità di fauna marina endemica delle Galapagos. La razza più grande e dall’aspetto primitivo di iguane marine si trova mescolata con leoni marini e granchi Sally Lightfoot; una meravigliosa opportunità per incontrare i cormorani incapaci di volare nei loro siti di nidificazione, i pinguini delle Galapagos e il “re” dei predatori delle isole, il falco delle Galapagos. Le formazioni laviche “Pa-hoe-hoe” e “AA” (sono classificazioni di lava, più fluida e meno fluida) coprono la maggior parte del terreno. La vegetazione è quindi scarsa nell’entroterra, ma incontriamo cactus Brachycereus e vasti letti di mangrovie lungo le coste. Nel pomeriggio snorkeling in acque profonde in uno dei paradisi marini più ricchi della Terra (Canale di Bolívar). Facciamo un giro in gommone lungo la costa per osservare una grande diversità di uccelli marini e costieri. La risalita delle correnti di acqua fredda in questa parte delle Galapagos dà origine ad un’abbondanza di vita marina. Pernottamento a bordo.

GIORNO 13 (lun. 11/11) SANTA CRUZ – BALTRA – QUITO 

Dopo la prima colazione sbarco sull’Isola di Santa Cruz. Questa è l’isola che ospita la maggiore popolazione umana dell’arcipelago. Con un’altitudine di 864 mt. qui è possibile ammirare diversi tipi di uccelli, come fringuelli arborei e terrestri, pigliamosche vermigli, cracchi dal becco a vernice, gorgheggiatori gialli e aironi guardabuoi (di solito in piedi sul guscio delle tartarughe). Il viaggio verso la riserva offre grandi opportunità di vedere i contrasti che l’isola offre in riferimento alla varietà degli ecosistemi. La strada passa dalla costa attraverso la zona agricola e risale fino alle fitte foreste umide. Spesso durante il tragitto si vedono anche le tartarughe giganti delle Galapagos, che si aggirano tra i pascoli dei recinti. Questo luogo è un paradiso per i “birdwatcher”, poiché quasi tutti gli uccelli terrestri presenti sull’isola vivono o migrano qui. Dopo la visita, trasferimento all’aeroporto di Baltra per il volo verso la terraferma. Arrivo a Quito e trasferimento in hotel per la cena e il pernottamento.

GIORNO 14 (mar. 12/11) QUITO – CENTRO DEL MONDO 

Prima colazione in albergo e partenza (09:00) per fare la visita della storica città di Quito. Quito: situata a 2850 metri di altitudine, la capitale dell’Ecuador si estende nel cuore delle Ande, alle falde del maestoso vulcano Pichincha che domina la città dall’alto dei suoi 4800 metri. Dichiarata “Patrimonio dell’Umanità” dall’Unesco, Quito è considerata, per le splendide testimonianze del suo passato coloniale, le chiese barocche dagli interni decorati in oro, i conventi cinquecenteschi e gli antichi palazzi della nobiltà spagnola, una delle più belle e suggestive città del Sud America. Anticamente capitale del regno di Quito, passò poi sotto il dominio dei Cara e successivamente degli Incas. Venne fondata da Sebastian de Benalcazar nel 1534 sui resti della vecchia città Inca, totalmente distrutta dal generale di Atahualpa poco prima dell’avvento degli spagnoli. La parte vecchia della città è quasi tutta coloniale, e proprio in questo risiede il suo fascino. Il cuore di Quito è la Piazza dell’Indipendenza da cui ci si può muovere nel labirinto delle stradine acciottolate e inanellate una nell’altra. A passeggio nella Città Vecchia si ha la sensazione di essere tornati indietro nella Quito del sedicesimo secolo con le case dai muri bianchi con pesanti porte di legno ornate di griglie. L’eredità artistica di Quito è completata dalle sue chiese barocche: la Compañia, la cattedrale di San Francisco, la chiesa di Santo Domingo e la basilica di Las Merced, l’ultima chiesa costruita durante il periodo coloniale. Si visiteranno in particolare la piazza de l’Independencia con il Palacio del Gobierno e la Cattedrale, Monastero di San Francisco, piazza e chiesa di Santo Domingo. Nel pomeriggio partenza per la Mitad del Mundo, posta sulla linea immaginaria che divide i due emisferi. Pranzo in ristorante locale e pernottamento in hotel.

GIORNO 15 (mer. 13/11) PARCO NAZIONALE DI COTOPAXI

Partenza alla mattina dopo la prima colazione. Visita del mercato locale indiano a Saquisili e conosceremo la cultura indigena e meticcia dell’Ecuador. Dopo circa un’ora e mezza, lasciamo il viale dei vulcani per scoprire il Parco Nazionale del Cotopaxi, che prende il nome dal vulcano più alto e attivo del mondo; passeggiata di circa 2 ore intorno alla laguna di Limpiopungo, per ammirare la flora e la fauna dell’ecosistema del Páramo. Pranzo ai piedi del vulcano, e se il tempo lo permette, godremo della bellezza del vulcano. Nel pomeriggio ritorno a Quito. Pernottamento in hotel. 

GIORNO 16 (gio. 14/11) QUITO – MADRID 

Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto per le operazioni di imbarco sul volo della Air Europa per Madrid. Pasti e pernottamento a bordo. 

GIORNO 17 (ven. 15/11) MADRID – VENEZIA 

Arrivo al mattino a Madrid e coincidenza con il volo per Venezia. Arrivo nello scalo veneto, disbrigo delle formalità di sbarco e doganali e rientro nelle rispettive località di origine.

Condizioni

QUOTA DI PARTECIPAZIONE Min. 10 pax € 8.460,00

Al momento dell’iscrizione è richiesto un acconto di € 2.000 a persona.

Il saldo un mese prima della partenza a ricezione dell’estratto conto.

Info Importanti

Servizi inclusi:

LA QUOTA COMPRENDE

  • Viaggio aereo con voli di linea Air Europa Venezia/Quito a/r, in classe turistica;
  • Franchigia bagaglio incluso;
  • Voli interni per le Galapagos (Quito/Galapagos a/r);
  • Sistemazione in alberghi 3/4 stelle, in camere a due letti con servizi privati;
  • Trattamento di pasti come da programma (mezza pensione in Ecuador e pensione completa a bordo della M/n alle Galapagos https://galapagoslegend.com/), bevande escluse;
  • Visite ed escursioni in autopullman riservato con guida locale parlante italiano;
  • Accompagnatore IOT per tutta la durata del viaggio;
  • Ingressi come da programma;
  • Auricolari;
  • Assicurazione sanitaria, bagaglio e annullamento* AXA Assistance (copre per motivi di salute, infortunio o malattia non riconducibile a malattie preesistenti all’iscrizione al viaggio);
  • Materiale illustrativo e omaggio IOT.

* In caso di annullamento, l’agenzia non potrà intervenire nell’apertura del sinistro e relativo invio di documentazione all’assicurazione per motivi di privacy. L’assicurato riceverà tutte le indicazioni necessarie per procedere direttamente.

Servizi Non inclusi:

LA QUOTA NON COMPRENDE

  • Tasse aeroportuali € 133,00 (alla data del 22.03.2024);
  • Supplemento camera singola € 2.680,00;
  • Tassa di ingresso al Parco Nazionale delle Galapagos Usd 200,00 a persona (da pagare in loco);
  • Galapagos Transit Control Card Usd 20,00 a persona (da pagare in loco);
  • Bevande, mance, facchinaggio, extra personali in genere e quanto non indicato nella quota comprende.

Note Generali:

Nota: a causa delle condizioni meteorologiche e della sicurezza delle Isole Galapagos, sono possibili cambiamenti nel programma. Anche le tariffe aeree e marittime possono variare. Secondo le normative governative l'IVA potrebbe subire un aumento, valore che può influire anche sul prezzo.

NOTE:

  • Per l’effettuazione del viaggio è indispensabile essere in possesso del passaporto individuale con validità residua di almeno 6 mesi. 
  • Al momento dell’iscrizione al viaggio è fondamentale comunicare il proprio nome e cognome (da nubile per le Signore) così come risulta sul documento utilizzato per l’espatrio. Nessuna responsabilità verrà attribuita all’Agenzia organizzatrice in caso di impossibilità ad effettuare il viaggio per errati o incompleti dati anagrafici, e le eventuali spese sostenute per le modifiche necessarie saranno attribuite al passeggero. 
  • La quota di partecipazione è calcolata sulla base al valore del cambio (€ 1,00 = usd 1,09), delle tariffe aeree, tasse aeroportuali, carburante alla data del lancio della iniziativa (22/03/2024). Se al momento dell’effettuazione del viaggio si verificheranno delle sensibili differenze, la quota potrà essere modificata in proporzione entro 21 giorni dalla partenza. Tutti i dettagli sulle condizioni di vendita allegate.
  • A ricevimento del saldo, verrà predisposto un foglio notizie con le informazioni finali (conferme degli orari di convocazione e operativi di volo, strutture alberghiere e informazioni pratiche e utili).

Organizzazione tecnica: IOT Viaggi Srl Gorizia

PRENOTAZIONI PRESSO: Mittelnet Sas di Giorgini S. & Co. - via San Giorgio 7A – 34123 - Trieste

Tel 040/9896112 – Fax 040/4606996 

Partita Iva e Codice Fiscale 01076920329 - info@mittelnet.com - www.mittelnet.com

Scarica il pdf del tour

Contattaci per Info o prenotazioni

Nome e Cognome *
Email *
Telefono
Descrivici la tua richiesta
Consenso al trattamento dei dati *

L'informativa completa sulla privacy è disponibile al seguente link: Informativa sulla privacy